Sabato 16 a Pignataro Interamna l'evento "Uniti si può dare di più"

Cultura - L'associazione "La Rosa di Cassino" continua il suo tour per l'Alzheimer. Il presidente Miele: "Questo è il messaggio che anche nel 2024 porteremo in tutto il territorio ciociaro e dell’alta Campania"

Sabato 16 a Pignataro Interamna l'evento "Uniti si può dare di più"
di autore Francesca Messina - Pubblicato: 13-03-2024 09:38 - Tempo di lettura 3 minuti

L’associazione la Rosa di Cassino APS riprende il suo Giro della Ciociaria e dell'Alta Campania per l'Alzheimer. Sabato 16 marzo a Pignataro Interamna si terrà alle ore 10.30 il convegno dal tema "Uniti si può di più" nella sala del Comune. 

"Nell'anno 2023 abbiamo iniziato da Cassino - spiega il presidente Fernando Miele - proseguendo in tanti altri comuni della ciociaria e dell'alta Campania, portando informazioni e testimonianze di solidarietà a molte famiglie e malati di Alzheimer. Riprendiamo il nostro lavoro in questo 2024 iniziando da Pignataro lnteramna.

Il 16 marzo sono stati invitati a partecipare i comuni di Villa Santa Lucia e Terelle, il tema sarà: “Uniti si può dare di Più”. Ci sarà la partecipazione della Proloco di Pignataro Interamna e il centro 
Anziani Pignataro APS. "Uniti si può dare di più” - continua il presidente Miele - sarà il messaggio che la Rosa di Cassino continuerà a portare in tutto il territorio ciociaro e dell’alta Campania. Tutti noi ogni mattina, guardiamo la giornata con serenità progettando di svolgere al meglio gli impegni con successo.

Non è però, altrettanto facile per tante persone che hanno un familiare con problemi cognitivi. La nostra associazione non farà miracoli ma, portando in giro il messaggio “Uniti si può dare di piu" si vuole sensibilizzare tutti ad avere un pensiero per coloro che si adoperano per dare aiuto alle famiglie ed ai loro malati. La Rosa di Cassino è e sarà sempre attenta alla ricerca di informazioni nazionali e internazionali, per sollecitare le istituzioni preposte per l'assistenza domiciliare.

A Pignataro e Terelle è questo il tema che portiamo oggi in queste comunità, come pure continueremo in altre piccole comunità della Ciociaria e alta Campania sarà: "Uniti si Può dare di Più!". Questo, non deve essere solo un pensiero o un ricordo della canzone di Morandi "Si può dare di più!" La parola "UNITI" rappresenta il coraggio, la volontà e la speranza di riportare le comunità a pensare che, durante questo passaggio nella vita, è necessario viverlo più serenamente, senza rancori, senza gelosi; essere  felici, per quello che si ha e non per quello che si vorrebbe.

La nostra Associazione è nata per tanti con l'esperienza dell'Alzheimer. Come tutte le associazioni, comitati e altre organizzazioni sociali, sportive e culturali: nascono da storie che appartengono ai desideri e volontà dei fondatori, sia che fosse un ricordo bello, o di un brutto episodio (potrà essere accidentale, culturale, sportivo, storico, sociale ecc.) Noi abbiamo abbracciato la grande problematica dell'Alzheimer e delle malattie degenerative.

L’Alzheimer è una brutta patologia, solo chi si prende cura di un malato può essere capace di spiegare cosa significa essere impegnati 24 ore su 24. Ormai ogni giorno ascoltiamo il suo pericoloso avanzamento tra una popolazione indifesa. Purtroppo, ancora non vi sono farmaci di prevenzione per bloccare la malattia.

Noi non possiamo fare molto in merito, ma sicuramente il nostro lavoro di informazione e sollecitazioni alle tante istituzioni preposte, saranno di aiuto alle tante famiglie con persone colpite dal brutto male.
Certo da soli riusciremo a ben poco - conclude il presidente Miele - ma unendo la forza di tutte le piccole comunità che, ancora vive con una fratellanza a misura d'uomo e avendo ancora sufficiente coraggio per la solidarietà, riusciremo a trovare soluzioni per migliorare i disagi di tante famiglie. Dal nostro opuscolo potete evidenziare i nostri progetti e iniziative che vogliamo realizzare, alcuni già realizzabili, altri hanno la necessità di più tempo e la partecipazione di tutti, maggiormente Enti e Istituzioni". 





Articoli Correlati


cookie