"A Cassino c'è sempre stato il sospetto di infiltrazioni della criminalità organizzata"

Politica - Angela Abbatecola di Fratelli d'Italia mette in guardia: "È indispensabile procedere alla ricerca comune di soluzioni anche forti insieme alle Forze dell'Ordine"

"A Cassino c'è sempre stato il sospetto di infiltrazioni della criminalità organizzata"
di Redazione - Pubblicato: 11-05-2024 09:20 - Tempo di lettura 2 minuti

C'è sempre stato il sospetto che a Cassino esistessero infiltrazioni della cosiddetta criminalità organizzata; in assenza però (nonostante taluni accadimenti di un passato anche recente) di notizie certificate dalla Magistratura si è preferito insistere sui diffusi contesti di microcriminalità. Io ero e sono convinta che "zone franche" da bonificare in cui operano gang e baby gang sempre più frequentemente, specialmente durante le notti dei fine-settimana, rappresentano un enorme pericolo sociale.

La soluzione a queste problematiche, tipiche delle società post-industriali e collegate a fenomeni di immigrazione clandestina, non è facile. Se da un lato la cultura della sensibilizzazione ai fenomeni di violenza e degrado operati dall'Amministrazione comunale non vanno sottovalutati, allo stesso modo penso che il tempo dei tavoli e degli osservatori (cari al Sindaco e alla sua maggioranza "progressista") sia superato, e che sia necessaria anche la deterrenza.

Mi pare chiaro che, davanti a fatti di cronaca non più limitati a una scazzottata in piazza Labriola ma con connotati di azioni spregevoli, mirate a minare alla base l'autorità l'autorevolezza delle Istituzioni, le parole e la comprensione dei fenomeni non bastino più.

Si dica che la società del Cassinate è sotto l'attacco grave di forze che poco hanno a che fare con la criminalità "spontanea" che è insita in ogni sodalizio umano. Qui c'è un piano preordinato e malvagio che infiltra la nostra Città, togliendo spazio e respiro a giovani, famiglie, imprese, esercizi commerciali.

Alla nostra vita, insomma. Perciò, è indispensabile procedere alla ricerca comune di soluzioni anche forti, insieme alle Forze dell'Ordine e -perché no?- studiando percorsi appositi con l'operazione "Strade sicure" per restituire tranquillità al nostro microcosmo, nel rispetto delle esigenze dell'Individuo.





Articoli Correlati


cookie