San Vittore del Lazio: chiuso il cantiere, ecco il nuovo centro storico

Cassinate - Il sindaco Nadia Bucci: 'Si rafforza il senso di appartenenza e di identità'

San Vittore del Lazio: chiuso il cantiere, ecco il nuovo centro storico
di Redazione - Pubblicato: 11-02-2024 12:23 - Tempo di lettura 3 minuti

Un nuovo centro storico quello che si presenta oggi agli occhi dei cittadini di San Vittore del Lazio. Un nuovo volto che - come evidenzia il sindaco Nadia Bucci - " rafforza il senso di appartenenza al nostro paese e con-tribuisce a dare un’identità più originale allo stesso".

Non senza alcun sacrificio è stato possibile portare a termine il risanamento del centro storico e in modo particolare degli spazi antistanti la scuola capoluogo e Casa Paliotta. Un intervento, infatti, inserito nel programma elettorale del 2019 su proposta del vice sindaco Roberto Bucci che sarebbe dovuto durare pochi mesi e che purtroppo ha subito ' i ritardi' di una serie di adempimenti amministrativi ( pareri, soprintendenza, fornitura del materiale) che hanno comportato l'allungamento dei tempi, rispetto a quanto era nei piani.

La chiusura definitiva del cantiere di fatto permette la restituzione alla comunità di uno spazio rinnovato, origi-nale senza però perdere quel legame identitario con la tradizione del paese.
Il cemento disgregato delle superfici piane e quello applicato sulle pareti del muraglione della chiesa ha lasciato il posto ad una tessitura muraria in pietra calcarea mista ed irregolare. Sotto tale muro si sviluppa la nuova piazza della Memoria contenente il Monumento ai caduti della Grande Guerra alla cui sommità era posta la statua della Vittoria Alata trafugata da un soldato americano durante la seconda guerra mondiale. Motivo per cui nei giorni scorsi l’Amministrazione comunale si è recata ad Agnone, presso l’Antica Fonderia Marinelli, eredi di Nicodemo Marinelli, sindaco di San Vittore del Lazio nel 1848, per commissionare la riproduzione in bronzo della Vittoria Alata cosi che il monumento possa dirsi finalmente completo per continuare a consegnarfe la memoria dei nostri grandi eroi del passato alle generazioni future.

Non possono mancare i ringraziamenti a chi ha permesso la realizzazione di quest'opera: la ditta che ha e-seguito i lavori, la Dsd di Sora, nelle persone del geometra Maurizio di Prospero e del geometra Aldo D’Orazio, gli architetti Silvano e Valentina Tanzilli.

 


Gallery dell'articolo





Articoli Correlati